Idronimi: il Centeriso

Descrizione

Il Centeriso (Centeris) è un piccolo torrente che scorre nei boschi di Abbiate Guazzone e si immette nel Fosso delle Valli. Il suo bacino è ricompreso in una zona forestale isolata, di grande valore ambientale.

L’escursionista lo incontra attraversando un ponticello sul sentiero 844, prosecuzione della Strada dei Ronchi.

 

Corso

Il torrente si origina da un ampio impluvio posto a oriente del Pracallo e del sentiero 543, il quale si congiunge con una valletta laterale, di simile geografia, chiamata Val Mojana. In quel luogo, nel 1820, furono catturati gli ultimi lupi testimoniati nel Tradatese.

Nell’alveo del Centeriso si osservano degli affioramenti di gonfolite lombarda, una formazione rocciosa composta di conglomerati eterogenei (peliti, marne, arenarie) e di diversa granulometria. Prosguendo il suo corso, il torrente attraversa il sentiero 844 tramite un ponte per unirsi, poco metri più a valle, col torrente Montelungo, andando a formare il Fosso delle Valli.

 

Etimologia

Il nome è di origine indo-europea e pre-romana. Si potrebbe comporre della radice *kentos, “primo, forte, prestante” e dal suffisso rafforativo -a-lus (lo stesso presente anche in Gardaluso). Il significato è dunque “il molto forte”, probabilmente a ragione della rapidità con cui vi scorrevano le acque di piena.

Kent-a-lus si dovette evolvere in kentarus  (per rotacismo), quindi in kenteris (per scambio vocalico); in età più recente avvenne, infine, la palatalizzazione della k in c ha dato la forma attuale Centeris.

 

Autore

Matteo Colaone