Biacco

Nome

Hierophis viridiflavus

Descrizione

È un serpente grande e vivace, che può raggiungere i 200 cm, ma che normalmente è lungo intorno al metro e mezzo. Le squame sono lisce. La colorazione tipica del biacco è nera a macchie gialle, ma in alcune zone d’Italia ci sono esemplari melanici, ovvero completamente neri. I giovani hanno una tinta di fondo grigiastra con macchie scure e un disegno sul capo simile a quello dell’adulto. Il ventre di solito è biancastro o grigio.

E’ il serpente che più si avvicina alle case, in cerca di lucertole e di luoghi in cui ripararsi. Non è velenoso, ma se si sente attaccato può mordere ripetutamente, anche le la principale strategia di difesa resta sempre la fuga.

Habitat

Zone marginali calde ed assolate ricche di ripari naturali, anche giardini e zone periferiche.

Alimentazione

Si nutre principalmente di lucertole e serpenti tra cui anche le vipere e le bisce d'acqua. Tra le prede possono figurare anche piccoli mammiferi, rane e nidiacei. I giovani vanno a caccia di cavallette e lucertole.

Riproduzione

Il biacco è una specie ovipara, il che significa che la riproduzione avviene per mezzo della deposizione di uova da parte della femmina. Le uova si schiuderanno dopo circa due mesi di incubazione tra la fine di agosto e i primi di settembre.

Autore

Paola Cassina