Idronimi: l’Antiga

Descrizione

L’Antiga è un lungo torrente che nasce a nord del Parco della Pineta e scorre per 15 chilometri verso sud, segnando grossomodo l’estensione orientale dell’area protetta, prima di confluire nel Bozzente a Mozzate.

Il corso d’acqua ha delle sorgenti di testa che però non permettono più un regime costante; nell’ultima parte del suo corso riceve le acque provenienti dall’impianto di fitodepurazione di Limido Comasco.

 

Corso

Il bacino dell’Antiga origina da alcune sorgenti e impluvi in territorio di Olgiate Comasco, in località Rongio. A causa del crescente prelievo idrico di falda e della compromissione del sistema di rogge naturali, i flussi sono stagionali e intermittenti. Il torrente scorre al limite dell’abitato di Oltrona, attraversa la Strada Provinciale 23, entrando nel territorio del Parco della Pineta, scorrendo verso meridione in aree rurali e boschive comprese nei comuni di Appiano Gentile, Veniano, Lurago Marinone, ricevendo le acque di vallette minori, in particolare provenienti dalla destra idrografica.

Il letto del torrente in questo tratto è profondamente scavato e vi si possono individuare affioramenti di gonfolite lombarda, una formazione rocciosa composta di conglomerati eterogenei (peliti, marne, arenarie) e di diversa granulometria. Questa roccia è detta anche “ceppo”.

Nel territorio comunale di Limido Comasco, l’Antiga riceve le acque provenienti dall’impianto di fitodepurazione, che permettono un apporto costante che si esprime da lì a valle, fino alla confluenza nel Bozzente a Mozzate, in località Sassone.

 

Origini del nome

Una tradizione erudita vuole che il nome indichi l’alveo antico di un’altro torrente, individuato nella Lura, il cui corso si spostò a causa di sommovimenti geologici. Questa ipotesi è oggi considerata poco verosimile.

Il linguista Olivieri non ne risolse l’etimologia, se non riconoscendo – in un contesto geografico diverso – che antica significhi “via di campagna poco praticata”*: deduzione piuttosto debole.

 

 

(*) D. Olivieri, Dizionario di toponamastica lombarda, Ceschina, Milano, 1961 (II), p. 57.

 

Autore

Matteo Colaone